News

17/01/2018 - AVVISO

Si informa l'utenza tutta che l'Ufficio ESAMI AVVOCATO e UFFICIO I DEL PERSONALE è stato trasferito da piazza XXIV Maggio, al vecchio Palazzo d... [ Leggi tutto ]

18/12/2017 - Individuazione delle sedi di corte di Appello ove avrà luogo la correzione degli elaborati.

D.M. 15/12/2017 – esame avvocato sessione 2017 Individuazione delle sedi di corte di Appello ove avrà luogo la correzione degli elaborati

D.M. 15/12/2017

13/12/2017 - I Rotary Club di Salerno offrono un defibrillatore alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Salerno

La Presidente della Corte di Appello ed il Procuratore della Repubblica saranno presenti in Cittadella Giudiziaria, per la consegna del defibrillatore... [ Leggi tutto ]

01/12/2017 - D.M. 30/11/2017 – Nomina della II e della III Sottocommissione Esami avvocato sessione 2017

II e  III Sottocommissione Esami avvocato sessione 2017

D.M. 30-11-2017

23/11/2017 - CORTE APPELLO SALERNO - ESAMI AVVOCATO- SESSIONE 2017– NOMINA I SOTTOCOMMISSIONE - D.M. 22/11/2017”

NOMINA I SOTTOCOMMISSIONE -  D.M. 22/11/2017

Nomina

News dal mondo del diritto

  • 25/05/2016 - Ordinanza emessa in data 20 maggio 2016 dalla Corte di Appello di Salerno (Pres. Tringali - rel. Pellegrino)in tema di revoca della pena accessoria dell'interdizione dai pubblici uffici

  • 24/04/2016 - Sentenza Cassazione Penale, Sezioni Unite n. 13681, ud. del 25/02/2016, dep. il 06/04/2016 (Pres. Canzio, Rel. Blaiotta) in tema di non punibilità per particolare tenuità del fatto ex art. 131 bis c.p.

  • 15/04/2016 - Sentenza n. 623/2016, emessa dalla Corte di Appello di Salerno - sezione penale il 18 marzo 2016 in tema di depenalizzazione e prescrizione (Pres. estens. Dott. Pellegrino)

  • 15/04/2016 - Cassazione penale, sez. III, 25/10/1996, n. 10238 - Estinzione del reato e prescrizione; Sentenza Corte di Appello di Salerno, 18/03/2016, dep. contestualmente, n. 623/2016 (ricerca e redazione a cura della dott. Rita Guerra)

  • 07/04/2016 - Circostanze del reato - Suggestione di folla in tumulto - Sentenza n. 469/2016, emessa dalla Corte di Appello in data 01/03/2016 (Pres. Tringali - Estens. Pellegrino)
News dallo spazio europeo di libertà, sicurezza e giustizia -
a cura dell'Osservatorio www.slsg.unisa.it

02/01/2018 - Sentenza della Corte di giustizia del 22 dicembre 2017 - mandato di arresto europeo

La Corte di giustizia interpreta la nozione di “processo terminato con la decisione” di cui all’art. 4 bis, par. 1, della decisione quadro 2002/584/GAI del Consiglio relativa al mandato di arresto europeo e alle procedure di consegna tra gli Stati membri, come modificata dalla decisione quadro 2009/299/GAI del Consiglio. 

Testo integrale della sentenza

02/01/2018 - Sentenza della Corte di giustizia del 20 dicembre 2017 - titolo esecutivo europeo

Dall’interpretazione dell’articolo 4, punto 1, e l’articolo 7 del regolamento (CE) n. 805/2004, che istituisce il titolo esecutivo europeo per i crediti non contestati, deriva che «una decisione giudiziaria che ha efficacia esecutiva sull’importo delle spese relative ai procedimenti giudiziari, contenuta in una sentenza che non verte su di un credito non contestato, non può essere certificata come titolo esecutivo europeo». 

Testo integrale della sentenza

02/01/2018 - Sentenza della Corte di giustizia del 20 dicembre2017 - lavoratori autonomi - disoccupazione

Interrogati in via pregiudiziale, i Giudici di Lussemburgo hanno chiarito che, ai sensi dell’articolo 7, par. 3, lett. b), della direttiva 2004/38/CE, relativa al diritto dei cittadini dell’Unione e dei loro familiari di circolare e di soggiornare liberamente nel territorio degli Stati membri, un cittadino di uno Stato membro che, dopo aver soggiornato regolarmente ed aver esercitato, quale lavoratore autonomo, un’attività in un altro Stato membro per circa quattro anni, abbia cessato l’attività lavorativa per mancanza di lavoro, debitamente comprovata, causata da ragioni indipendenti dalla sua volontà, e si sia registrato presso l’ufficio di collocamento competente di tale Stato membro come persona in cerca di occupazione, mantiene lo status di lavoratore autonomo ai sensi dell’articolo 7, par. 1, lett. a), della direttiva stessa; la norma da ultima richiamata, infatti, non si riferisce – secondo l’interpretazione resa dalla Corte nella sentenza in commento – esclusivamente alle persone che si trovino in stato di disoccupazione involontaria dopo aver esercitato un’attività subordinata, come sembrerebbe indicare la formulazione testuale della disposizione.

Testo integrale della sentenza